Lo sapevate che ogni lunedì si può rivedere al cinema THE NEW POPE? Ecco 5 curiosità che (forse) non conoscevate sulla serie in onda su SKY.

La locandina ufficiale della serie TV

The New Pope: 5 curiosità sulla serie TV.

Se The Young Pope era intrigante e malizioso, The New Pope è audace, fa crollare le nostre certezze e abbraccia il lato oscuro.

Scandali, vanità e fragilità, nei palazzi vaticani vive un crogiuolo di peccatori. Sono loro a confidarcelo nelle suggestive scene iniziali ed è grazie anche a loro se ci bastano una manciata di minuti per amare la seconda serie TV firmata da Paolo Sorrentino.

Dopo un piccolo commento a caldo, oggi ci soffermiamo su alcuni fatti che abbiamo scoperto.

The New Pope: 5 curiosità sulla serie televisiva del momento.

1. DALLA TELEVISIONE AL CINEMA

La prima novità, che siamo sicuri attirerà non pochi amanti del cinema del regista premio Oscar®, è che Vision Distribution porterà The New Pope in sala a Milano, Roma e Napoli ogni lunedì successivo alla messa in onda, in versione originale sottotitolata. Partiti il 13 gennaio, con i primi due episodi, si proseguirà sino al 10 febbraio 2020.

The New Pope. Photo credit: Gianni Fiorito

The New Pope anche al cinema! Photo credit: Gianni Fiorito.

2. I NUMERI DELLA PRODUZIONE

Non so a voi, ma a noi i numeri piacciono. Quando riceviamo le fact sheet di un film o una serie siamo al settimo cielo. Volete saperne alcuni? Eccoli.

Le riprese sono durate 22 settimane, hanno coinvolto 103 attori e 9.000 comparse. Le troupe erano 140, i pasti consumati 27.000 e, tra cast e comparse, gli attori arrivavano da 65 Paesi. Un numero di persone così esorbitante ha imposto 4.500 costumi accompagnati da 1.100 paia di scarpe. Che, dato il coinvolgimento del clero, volevano anche 450 papaline e cappelli. Immaginate il quantitativo di grucce appendiabiti? Erano 12.000!

3. LE LOCATION

I luoghi sono molti. Alcune riprese sono avvenute a Roma e Venezia, altre all’interno di una serra ricostruita in un monastero in Abruzzo e in una Lourdes ambientata sulle sponde del Piave, tra le montagne di Cortina.

Sono inoltre stati ricostruiti sul set: la biblioteca papale, parte della facciata di San Pietro, gli interni della Basilica e la Cappella Sistina. Quest’ultima è stata riprodotta in scala reale insieme all’antistante Sala Regia. Una sfida realizzata nel famoso Teatro 5 di Cinecittà.

Una scena di The New Pope nella Cappella Sistina. Photo credit: Gianni Fiorito.

Una scena di The New Pope nella Cappella Sistina. Photo credit: Gianni Fiorito.

4. LA SCENOGRAFIA

Per ricreare l’interno e l’esterno di San Pietro ci sono voluti circa 8 mesi di lavoro complessivi di cui 10 settimane di sola pittura. Al solo interno ci hanno lavorato 58 professionisti. Alla Cappella Sistina, invece, ci si son dedicate 40 braccia per 6 mesi. E all’interno della Biblioteca Papale erano impegnati in 16 per 5 settimane.

5. LA MUSICA DELLA SIGLA

Chi segue il regista napoletano lo sa, la musica nei suoi lavori è parte integrante, spesso è spiazzante ma completa la narrazione. Non sappiamo ancora quali brani ascolteremo da qui all’episodio conclusivo. molti sono però già rimasti irretiti dalla sigla del primo.

Il refettorio di Fondazione Cini a Venezia si trasforma in un club, illuminato da un’eccentrica croce al neon (foto sotto). Una volta chiuse le porte, decine di giovani suore, tolte le tonache e i veli, ballano disinibite sulle note di Good Time Girl dei Sofi Tukker.

The New Pope. Photo credit: Gianni Fiorito.

The New Pope. Photo credit: Gianni Fiorito.

Fonte e foto: ufficio stampa

Condividi
  • 27
    Shares
  • 27
    Shares