Jonas Ulrich è un giovane regista svizzero. Arriva a Locarno nel Concorso Nazionale dei Pardi di Domani con il corto Menschen am Samstag.

La produttrice Nicole Boner insieme al regista Jonas Ulrich © Tosi Photography

La produttrice Nicole Boner insieme al regista Jonas Ulrich © Tosi Photography.

Nato come giornalista e critico cinematografico, Jonas Ulrich debutta quest’anno in veste di regista. Ecco cosa ci ha raccontato insieme a Nicole Boner, la produttrice del suo corto in Concorso. 

People on Saturday, questo il titolo in inglese, narra le storie di dieci persone, un sabato pomeriggio, nella città di Zurigo. E’ un semi-documentario, nel senso che alcune parti sono recitate e altre attingono direttamente dal quotidiano.

La sceneggiatura è nata dagli appunti presi dal regista negli anni: è quindi un collage di scene a cui ha assistito senza avere la telecamera a portata di mano per sviluppare un documentario. E, eccezionalmente, vede anche la produttrice Nicole coinvolta. L’ispirazione arriva quindi dal vissuto.

È un assolato sabato pomeriggio a Zurigo. Nel mezzo di una piazza gremita c’è un uomo d’affari disteso su una panchina. Sembra addormentato. In un altro luogo della città un adolescente vorrebbe essere apprezzato. Altrove un pendolare litiga con la macchinetta dei biglietti. Il film mostra dieci quadri di situazioni quotidiane nella città. Le persone ritratte sono alle prese con piccoli o grandi problemi. Ognuno di loro è un Sisifo, che spinge le piccole pietre della vita di tutti i giorni su per la montagna, all’infinito.

Jonas e Nicole hanno già un nuovo cortometraggio in cantiere, le cui riprese dovrebbero prendere il via il prossimo mese di novembre. Speriamo quindi di rivederli il prossimo anno a Locarno 74, magari in piazza Grande!  

Intervista e foto: Paolo Tosi

La produttrice Nicole Boner insieme al regista Jonas Ulrich © Tosi Photography.

La produttrice Nicole Boner insieme al regista Jonas Ulrich © Tosi Photography.

n.d.r vi ricordiamo che potete scoprire i nostri incontri locarnesi su questa pagina, mentre per approfondire l’edizione 2020 del Festival vi rinviamo al sito ufficiale.

Condividi