Alexandre Haldemann è un giovane regista svizzero. Arriva a Locarno nel Concorso Nazionale dei Pardi di Domani con il corto Un Tordo Batendo As Asas Contra.

Alexandre Haldemann, il regista del corto Un Tordo Batendo As Asas Contra © Tosi Photography.

Alexandre Haldemann, il regista del corto Un Tordo Batendo As Asas Contra © Tosi Photography.

Alexandre Haldemann è ginevrino, studia alla HEAD, e presenta al Festival un corto che racconta le emozioni di un giovane lavoratore immigrato lontano dalla moglie, incinta e rimasta in Portogallo. Nel suo lavoro ci tiene a porre l’accento sull’aspetto umano ed emotivo, cosa si prova durante la separazione, e non su quello politico – emerso solo secondariamente. Il film, infatti, è stato costruito in modo d’essere molto sensoriale, grazie all’ausilio di immagini astratte che convogliano le emozioni e rendono visibile il tumulto interiore del protagonista. 

Sinossi ufficiale:

Luis, giovane operaio di una fattoria, aiuta Vasco a portare a termine un contratto per tagliare un’enorme quantità di legna prima dell’inverno, mentre sua moglie in Portogallo sta per partorire. Nel frattempo la tensione aumenta e la distanza diventa insopportabile.

Al momento, Alexandre frequenta il terzo anno della Scuola dopo di che non gli dispiacerebbe girare un western ambientato sulle alpi svizzere. Cosa che non ha mai visto fare ma che con la giusta storia potrebbe risultare interessante. Che sia questo il lungometraggio con cui lo rivedremo in un futuro non troppo lontano tornare in competizione al Locarno film festival?

Alexandre Haldemann, il regista del corto Un Tordo Batendo As Asas Contra © Tosi Photography.

Alexandre Haldemann, il regista del corto Un Tordo Batendo As Asas Contra © Tosi Photography.

Intervista e foto: Paolo Tosi

n.d.r vi ricordiamo che potete scoprire i nostri incontri locarnesi su questa pagina, mentre per approfondire l’edizione 2020 del Festival vi rinviamo al sito ufficiale.

Condividi