Ma se domani... > Festival del film Locarno 2014: il diario della 67° edizione

LOC67_pardo3POSRicordate la conferenza stampa di luglio? E quell’aggettivo che caratterizzava l’edizione 2014 del Festival del film di Locarno? Vi rinfresco la memoria: la parola usata era… stra-bi-lian-te. Esatto, il Direttore Artistico aveva definito il programma così. Grande quindi la curiosità verso questo 67° Festival, soprattutto dopo aver letto la varia e ricca lista di opere che verranno proiettate e di ospiti che incontreranno il pubblico.

Non stupisce quindi notare un numero crescente di giornalisti in città e vedere prezzi di alcuni esercizi commerciali modificati rispetto allo scorso anno. Anche noi siamo tra coloro che ripongono enorme fiducia in una rapida ripresa, dopo l’edizione fiacca del 2013, e in questa pagina troverete il tradizionale diario con gallerie fotografiche, approfondimenti e racconti degli incontri a cui abbiamo partecipato, qualche curiosità e le recensioni dei film che abbiamo amato, trovato insipidi o ci hanno lasciato perplessi.

Buon divertimento!

Vissia Menza

striscia-pardata

I FILM VISTI
(in ordine alfabetico – un click sul titolo per leggere la recensione)

A BLAST (Concorso Internazionale) – La Grecia e il suo nuovo cinema arriva a Locarno e si fa sentire. Maria, eroina dei tempi moderni, diventa subito parte di noi e ci piace: lei risolve i problemi e ha il coraggio di rompere le convenzioni [continua a leggere…]

A HITMAN’S SOLITUDE BEFORE THE SHOT (Piazza Grande) – Un sicario in attesa della sua prima missione quanto può resistere a seguire il protocollo, alla solitudine, alle provocazioni? Commedia fredda e tagliente.

ALIVE (Concorso Internazionale) – Tre ore di film coreano che scorrono in un’opera a metà tra quelle “da festival”, un giallo e un dramma straziante. Molto il realismo, poco lo spazio per le fantasie in un gran bel lavoro. [continua a leggere…]

BUZZARD (Cineasti del Presente) – Un ragazzo, impiegato in un’assicurazione vive fuori dagli schemi sino a quando la combina troppo grossa e il gioco potrebbe farlo finire al fresco. [continua a leggere…]

CHRISTMAS, AGAIN (Cineasti del Presente) – Un uomo vuole ricominciare. Torna a New York, dove trascorre le sue giornate all’angolo, assecondando le richieste di clienti alla ricerca dell’abete perfetto [continua a leggere…]

CURE – THE LIFE OF ANOTHER (Concorso Internazionale) – Andrea Staka, vincitrice del Pardo d’Oro nel 2006, torna a Locarno con una nuova opera dedicata a due ragazzine, all’adolescenza, ai segni della guerra [continua a leggere…]

DANCING ARABS (Piazza Grande) – Da un romanzo di crescita, un film dolce e intenso sulle scelte, le differenze, le passioni. Dietro la macchina da presa Eran Riklis che dirige impeccabilmente un’opera da vedere. [continua a leggere…

DOS DISPAROS (Concorso Internazionale) – Mariano un mattino rincasa, fa un bagno in piscina, trova in ripostiglio una pistola e si spara due colpi. Sopravvive. Inizio esplosivo per un film che si perde. [continua a leggere…]

DURAK (Concorso Internazionale) – Il giovane cinema russo irrompe nel concorso internazionale e si porta a casa un meritatissimo applauso. La storia di Dima è tanto carica di suspense quanto drammatica. Semplicemente un BEL film. [continua a leggere…]

FILS DE (Signs of Life) – L’attore HPG torna dietro la macchina da presa, torna a Locarno (questa volta nella sezione Signs of Life), torna a parlare del suo mondo in un documentario molto intimo. [continua a leggere…]

LA PRINCESA DE FRANCIA (Concorso Internazionale) – Un ragazzo, una manciata di donne, una piece teatrale da mettere in scena. Realtà e letteratura si fondono in un progetto ambizioso.

LA SAPIENZA (Concorso Internazionale)  – Un uomo e una donna, in crisi, si mettono in viaggio verso l’Italia. Molte le tappe previste, molti gli imprevisti. Destabilizzante, fastidioso, pretenzioso.

LAND HO! (Piazza Grande) – Due amici, due ex-cognati, due vecchietti volano in Islanda e a bordo di un Hommer ci portano un the road tra i geyser [continua a leggere…]

LISTEN UP PHILIP (Concorso Internazionale) – Philip è uno scrittore di successo, ma ha tanto talento quanto è insofferente e introverso. Un film che è una lezione di cinema la cui ironia incanta  [continua a leggere…]

LOS ENEMIGOS DEL DOLOR (Cineasti del Presente) – Un tedesco in sud america alle prese con scippatori, barriere linguistiche e una moglie che l’ha mollato. molti omaggi al cinema anni ’70, buona l’idea, bella sorpresa.

LOVE ISLAND (Piazza Grande) – Commedia estiva firmata dalla regista bosniaca Jasmila Zbanic. Amori, tradimenti, segreti e bugie su un’isola paradisiaca nel cuore dell’Adriatico [continua a leggere…]

LUCY (Piazza Grande) – Il nuovo film di Luc Besson con Scarlett Johansson e Morgan Freeman è un revenge movie scoppiettante, sorprendente, che corre veloce sino alla meta passando da un continente all’altro. [continua a leggere…

MEN WHO SAVE THE WORLD (Cineasti del Presente) – Un padre vuole regalare una casa alla figlia, un immigrato è in cerca di un riparo, un intero Paese caccia i fantasmi. Il risultato è un film carico di sottile ironia. [continua a leggere…]

NUITS BLANCHES SUL LA JETEE (Concorso Internazionale) – Ennesima trasposizione, questa fedele alle Notti Bianche, molto teatrale, con poche licenze che ha colto tutti di sorpresa

PAUSE (Piazza Grande) – Commedia romantica elvetica, con in regia Mathieu Urfer, che trascina la Piazza con note country nella storia dell’amore tra Sami e Julie, un musicista e una giurista, che pare aver raggiunto il capolinea [continua a leggere…]

PERFIDIA (Concorso internazionale) – Giovani statici in un mondo in movimento. Giovani senza speranza in un Paese crudele. Giovani registi alla conquista del Pardo. Un piccolo film italiano che può ambire ad un grande premio. [continua a leggere…]

SUL VULCANO (Fuori Concorso) – Gianfranco Pannone ci porta a Napoli, sulle pendici del Vesuvio, a conoscere la sua gente, la sua storia, la sua terra. Un documentario [continua a leggere…]

THE HUNDRED-FOOT JOURNEY (Piazza Grande) – Profumata, gustosa e speziata commedia romantica tra i fornelli, con velati messaggi di integrazione e di apertura delle convenzioni al nuovo. Regista e cast d’eccezione non possono che conquistare subito il pubblico.  [continua a leggere…]

THEY CHASED ME THROUGH ARIZONA (Cineasti del Presente) – Un silenzioso, strambo, on the road pseudo post-industriale al seguito di uno smantellatore di cabine telefoniche. Buona l’idea, realizzazione che lascia perplessi. [continua a leggere…]

THIRST (Pardi di Domani) – Cortometraggio di soli 24 minuti veramente intensi e meravigliosamente confezionati, con l’attrice Melanie Griffith nei panni di Sue. [continua a leggere…]

UN JEUNE POETE (Cineasti del Presente) – Un adolescente da grande vuole fare il poeta e per trovare la vena creativa intraprende una serie di esperimenti che non si riveleranno efficaci. Tutto già letto, già visto, già detto. [continua a leggere…]

VENTOS DE AGOSTO (Concorso Internazionale) – Due ragazzi nel mezzo del nulla si amano o forse ingannano il tempo amandosi, sino al giorno in cui il mare gli rende un cadavere. [continua a leggere …]

YALOM’S CURE (Fuori Concorso) –  La documentarista zurighese Sabine Gisiger ci porta a casa dello psichiatra e psicoterapeuta, professore emerito di Stanford, e autore di libri di successo, Irvin D. Yalom. Un filmato che infonde quiete [continua a leggere…]

striscia-pardata

GLI APPROFONDIMENTI
(incontri, riflessioni, chiacchiere e molto altro)

La conferenza stampa di presentazione della nuova edizione: il programma 2014

Aspettando il 6 agosto 2014info, curiosità e commenti

Siamo a Locarno: in attesa dell’inaugurazione

Il cortometraggio Thirst e la conversazione con il pubblico di Melanie Griffith e Rachel McDonald

Il giro di boa del 5 giorno: riflessioni sui “film da festival”

I vincitori dei Pardi 2014: un commento a caldo ai premi assegnati

Locarno 2014 in tour: i Pardi al Parco Ciani di Lugano & Le Vie del Cinema a Milano

Locarno 2014 memories: cosa ricorderemo della 67° edizione

striscia-pardata

GLI ALBUM DEI RICORDI
Locarno, una città 
pardata

L’attrice Melanie GRIFFITH

PARDO Style

striscia-pardata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi